martedì 26 giugno 2012

Marmellata di albicocche







Ingredienti :


  • 3800 gr albicocche
  • 1200 gr zucchero
  • 1 limone







Lavate le albicocche e togliete il nocciolo. Mettete i frutti in una larga padella, aggiungete lo zucchero ed il succo del limone.


Fate cuocere a fuoco moderato per  4 ore, coprite quasi completamente e rimestate ogni tanto. 


Versate ancora bollente in vasetti di vetro ben puliti,


mettete il coperchio e capovolgete i vasetti, lasciate raffreddare.

Coprite con un pezzetto di tela colorata ed un laccio, scrivete la data ed il nome della marmellata.


Così confezionato il vasetto si presenta meglio ed è pronto per essere riposto, regalato o servito in tavola.


Potete gustare la marmellata sul pane a colazione, sul gelato dopo pranzo, nello jogurt a merenda, …




Marmellata velocissima da preparare che richiede però una lunga cottura, il risultato vi ripagherà dell'attesa. Il sapore è un po' asprigno, se voi la preferite bella dolce, dovete aumentare la dose di zucchero. Alcuni mettono addirittura zucchero e frutta in eguale quantità, ricordatevi però che tanto zucchero è nocivo alla salute. Preparata in questo modo si conserva a lungo, pronta per ottime crostate anche dopo mesi dalla preparazione.

 


Curiosità:
L’albicocca usata per fare questa marmellata è quella di Galatone (Lecce), una varietà molto precoce, di piccole dimensioni, grossa quanto una noce e molto profumata, con screziature scure simili a lentiggini. Una leggenda attribuisce l’origine di questa albicocca ai Templari che la introdussero in questa zona  di ritorno dai loro viaggi in Oriente. Dolce e morbida, tanto che quasi si liquefa in bocca, un tempo tra i prodotti  più apprezzati dell’agricoltura salentina. Penalizzata  dalla sua delicatezza per i viaggi sulla lunga distanza, oggi rimangono pochi alberi di questa varietà, i contadini hanno iniziato ad espiantare gli albicocchi per passare ai più redditizi ulivi e viti. Come tutte le vecchie varietà frutticole, è molto longeva, continua a fruttificare ben oltre i cinquant’anni, mentre le varietà moderne hanno una vita produttiva di circa sette /dieci anni.



L'albicocco è una pianta orientale, per alcuni originaria della Cina, per altri ha un'origine triplice: cinese, centro-asiatica, iraniana. Il suo nome significa "frutto precoce". I frutti hanno forma ovoidale e buccia vellutata, di colore che varia dal giallo chiaro all'arancio intenso. Le albicocche sono facilmente deteriorabili e difficili da conservare. Tuttavia le proprietà salutari che esse contengono sono meglio preservate se i frutti vengono seccati al sole in maniera naturale. La polpa tenera e succosa ha un alto valore di vitamina A, soprattutto quando è secca. Il succo fresco dell'albicocca è un eccellente tonico per la pelle. Oltre che per il consumo fresco, le albicocche sono utilizzate per la produzione di succhi, sciroppi, marmellate, mostarde, gelatine, grappe, liquori,... Di seguito alcuni scatti.





Seguiteci su Facebook per essere sempre aggiornati sulle nuove ricette. Cliccate qui  sotto

https://www.facebook.com/Pentole-e-Fornelli-168226869964957/ poi mettete MI PIACE in alto a destra. Grazie!







Nessun commento:

Posta un commento